Aiuole Aiuole

Nei giardini ben curati, in cui può essere presente o meno un prato inglese, non possono mancare le aiuole, dei punti di colore che spezzano la monotonia di una distesa piana e monocolore.

Realizzare un’aiuola
A seconda che l’aiuola venga realizzata prima o dopo la creazione del prato, ci si deve comportare in modi diversi:

  1. prima di procedere alla semina del prato, delineate le zone che adibirete ad aiuole con dei grossi sassi; i semi non dovranno essere gettati all’interno del perimetro sassoso. Una volta che il prato sarà pronto, non vi rimarrà che togliere le pietre e provvedere alla piantumazione di fiori e arbusti.
  2. nel caso in cui non voleste rimandare la decisione della collocazione delle aiuole, potete prima realizzare il prato seminando l’intero giardino e una volta che il prato sarà pronto dovrete:
    • tagliare la terra con un lungo coltello per tutto il perimetro della futura aiuola;
    • sollevare il prato e arrotolarlo come un vero e proprio tappeto;
    • rimuoverlo e sistemarlo altrove per un immediato riutilizzo o per essere disfatto e gettato sul prato esistente sotto forma di terra molto fine.

Un giardino diverso ogni anno
Se la vostre aiuole sono state realizzate senza vincoli (muretti, cemento, piastrelle, ecc.) potete variarne forma e dimensioni (entro certi limiti ovviamente) nel modo seguente:

  1. asportate una parte di prato in alcuni punti come descritto sopra al punto 2;
  2. dissotterrate alcune piante (o tutte) da un’altra aiuola;
  3. ripiantatele dove avete asportato il prato;
  4. ricoprite la vecchia aiuola con la porzione di prato asportata per realizzare quella nuova.
In questo modo la vecchia aiuola sarà completamente invisibile e il giardino avrà cambiato forma con poche ore di lavoro.

Consigli per ottenere la migliore aiuola
Realizzare una aiuola cosiddetta moderna, ovvero senza vincoli statici e con forme irregolari-naturali, non è difficile ma è bene seguire poche e semplici regole per ottenere comunque un buon risultato.

  • Meglio evitare le aiuole con una forma geometrica se non in particolari angoli e vicino alle mura di cinta o dell’abitazione; in questo caso optate per le forme quadrate e rettangolari invece delle difficilissime forme circolari.
  • Realizzate perlopiù forme allungate e strette.
  • Meglio poche aiuole con le giuste dimensioni che tanti piccoli ciuffi colorati disseminati qua e là sul prato: nell’insieme creerebbero solo disordine.
  • Preferite le aiuole formate da una sola specie di fiore (ma diversi colori). Più specie possono essere messe insieme ma dovete conoscerne profondamente le caratteristiche, il momento e la durata della fioritura, la compatibilità reciproca, le annaffiature, ecc. in modo da poter realizzare un’aiuola armoniosa e semplice.
  • Scegliete piante annuali o perenni di bassa/media statura in modo da rendere più compatta e uniforma tutta la composizione.
  • Non disponete le piante su monotone file parallele ma preferite la piantumazione a zig-zag che crea sicuramente un maggiore effetto decorativo e un “movimento” molto gradevole alla vista.
  • Fontane, panchine, muretti, pozzi, ecc. vanno sempre circondati da qualche piantina colorata e ciuffetti d’erba in modo da inserirli naturalmente nel contesto in cui si trovano.
  • Tra il perimetro dell’aiuola e il prato devono esserci sempre 6-8 cm di terra nuda da smuovere con regolarità in modo che l’erba non arrivi a soffocare le delicate piantine da fiore.
  • Se desiderate realizzare delle aiuole con piante adatte a vivere solamente in vaso, potete usare lo stratagemma di interrare la pianta con l’intero vaso. In questo modo sarà possibile adoperare fiori delicati come i ciclamini di Persia, le primule obconiche, la cineraria, e la calceolaria.
  • Fate in modo che in ogni singola aiuola non prevalga un unico colore perché verrebbe vanificata tutta la fatica fatta per rendere omogenea e naturale la vostra creazione. Scegliete i colori a tavolino prima di interrare la pianta vera e propria.


Cosa ne pensi? Commenta l'articolo con il tuo account Facebook!