Coltivazione felci Coltivazione felci

Moltiplicazione per suddivisione
In primavera, e a cadenza triennale, si possono moltiplicare le felci dividendo la pianta madre in tante piccole piante dotate di proprio apparato radicale.
La procedura è la seguente:

  1. Si sradica la pianta madre capovolgendo il vaso e facendola scivolare delicatamente.
  2. Ora afferrate la zolla e dividete manualmente le radici in modo da ottenere delle piantine con almeno due gemme.
  3. Trapiantate le nuove piante nella stesso tipo di terriccio utilizzato per la pianta madre e continuate a curarle come avete sempre fatto.

Sintomi e cure

  • Foglie secche che cadono: l’acqua non è sufficiente, la pianta soffre la siccità. Aumentate la frequenza delle annaffiature e controllate che il terreno sia sempre umido ma mai zuppo.
  • Foglie chiare e scolorite: la pianta è troppo esposta al sola. Spostatela all’ombra.
  • Foglie arricciate: temperatura ambiente troppo bassa o qualche spiffero di aria fredda investe la pianta. Spostatela in un luogo più caldo o senza spifferi.
  • Foglie scure sul perimetro che appassiscono velocemente: ambiente troppo caldo (termosifoni troppo vicini o pianta posizionata in cucina vicino fonti di calore). Spostatela in un luogo più fresco.
  • Foglie con macchie scure: potrebbe essere la conseguenza di un attacco di funghi dovuto al ristagno di acqua nel sottovaso. Eliminate il ristagno di acqua o diminuite le annaffiatura e usate un prodotto anticrittogamico spray specifico.
  • Macchie marroni o farinose nella parte inferiore delle foglie: potrebbe essere Cocciniglia (“bruna” nella versione a macchie marroni) e potrete accertarlo tentando di toglierle con l’unghia, verranno via molto facilmente. Se la pianta è di piccole dimensioni, vi verrà più facile sfregare la parte interessata con un batuffolo di cotone imbevuto di normale alcool denaturato (quello rosa); se la pianta sarà di dimensioni più grandi, usate acqua e sapone neutro (quello verde di Marsiglia) e poi risciacquate più volte e molto accuratamente per eliminare ogni traccia di sapone. Per le piante di grandi dimensioni interrate all’aperto, potete usare uno specifico antiparassitario reperibile in un buon vivaio.

pag.1 - pag. 2

Cosa ne pensi? Commenta l'articolo con il tuo account Facebook!

richiedi prezzi per recinzioni da giardino